martedì 19 febbraio 2013

Mobile, un’opportunità di marketing

Considerarlo uno strumento di second'ordine per una nuova azienda,  ma anche per le società più consolidate, è un errore senza pari. Il Mobile è infatti uno dei principali strumenti del Customer Relationship Management (più noto come CRM), la strategia di marketing relazionale che permette di identificare e segmentare i clienti a cui rivolgersi, in modo efficace ed efficiente, offrendo un servizio personalizzato.

Una ricerca dell’Osservatorio Mobile Marketing&Service della School of Management del Politecnico di Milano ha stabilito che lo scorso anno sono state ideate e progettate campagne pubblicitarie in ambito Mobile per un valore complessivo di 89 milioni di euro, il 55% in più rispetto all'anno precedente.
Le aziende sono quindi più propense a investire in questo settore.
Considerando le cospicue vendite di tablet e cellulari (si pensi solo al periodo natalizio appena trascorso) è evidente la  necessità di PROMOZIONE attraverso questi mezzi “più dinamici”.
I Mobile Surfer (persone che si collegano a internet da cellulare o smartphone almeno una volta al mese) sono ormai 20 milioni, pari a due terzi degli utenti Internet mensili da pc, e il 61% di loro anzi si collega a internet - tramite app o siti Mobile – ogni giorno e per almeno per un'ora, come ha rilevato un’indagine dell’Osservatorio su 1500 consumatori ‘mobile surfer’, condotta insieme a Doxa.
Per un'azienda, soprattutto per quelle attive a livello locale, è indispensabile quindi essere presenti sui servizi di geolocalizzazione come Foursquare, ma anche sviluppare un sito mobile-surfer’s friendly o app intriganti per intercettare i potenziali clienti anche sui dispositivi mobili. Dai dati  dell’Osservatorio risulta che circa il 60% degli utenti che scaricano un'app, ne diventano dipendenti e si rendono più disponibili all'interazione con il marchio. Una funzionale customer experience influisce positivamente, soprattutto in termini di fidelizzazione, sull'immagine dell’azienda.
Inoltre il Mobile si conferma vantaggioso anche per l'advertising "puro", perché la ricettività degli utenti nei confronti della pubblicità sugli smartphone è molto buona: il 45% la nota spesso, il 39% qualche volta, e il 40% la clicca per approfondire il messaggio. Di questi ultimi, il 44% è attirato da un prodotto/servizio/app di suo interesse, il 31% da una promozione o sconto e il 20% dalla stessa grafica o creatività del messaggio.
E' probabile quindi che nell'immediato futuro si espanderà fortemente l’utilizzo di formati innovativi come i Rich media (banner interattivi e coinvolgenti, video HD a tutto schermo, ecc.) e si assisterà a una crescente integrazione del Mobile in iniziative che coinvolgono altri media, come pc, tablet, e anche la TV. Basti pensare per esempio a quanto spesso si guarda la TV e si commentano sui social network (Twitter sopra tutti) i programmi in onda, e quanto potrebbe essere mirata una pubblicità simultanea e integrata sulla tv e sullo smartphone, che diventa in questi casi un "secondo schermo" su cui l'attenzione dell'utente è molto alta.

Un messaggio per tutti coloro che ancora considerano il Mobile un mezzo del futuro (c'è sempre il nostalgico del volantino!!): è tempo di aggiornamenti e di adeguare la propria comunicazione al presente e il Mobile è il PRESENTE!

Nessun commento:

Posta un commento