venerdì 9 novembre 2012

Google: nuova visualizzazione dei risultati di ricerca e implicazioni SEO

A partire dagli USA, Google sta riorganizzando la pagina dei risultati di ricerca. Potete già vedere la novità facendo una ricerca su Google.com:



La vista è molto semplificata e più “ariosa” rispetto alla precedente e diventa simile alla home di Google mobile: la barra sinistra, dove prima erano posizionate le voci per restringere e/o personalizzare la ricerca (es. relative alla località geografica o alla distanza temporale), rimane vuota, mentre i motori verticali (immagini – mappe – shopping ecc.) si trovano ora direttamente sopra i risultati. Le opzioni di personalizzazione sono raggruppate sotto la voce “search tools”.
Qualche ipotesi su cosa potrebbe essere inserito nella barra? Sicuramente lo spazio è appetibile per gli annunci pubblicitari oppure, come propone con un fotomontaggio Michele Baldoni su Google+, direttamente i pulsanti del social network:



Stando a quanto riportato sul blog ufficiale di Google, la novità è solo grafica, ma a nostro parere si possono mettere in luce almeno altri due aspetti.
Il primo e più plausibile è che con la nuova visualizzazione si libera molto più spazio a destra per gli annunci sponsorizzati Adwords, perché quello a sinistra si riduce. Avremo forse annunci con immagini più grandi e quindi più appetibili per gli utenti? Inoltre, sarà un caso, ma queste modifiche sono state attuate proprio a ridosso della stagione natalizia.
La differenza è evidente e tra l'altro il logo di Google è più piccolo:


Il secondo aspetto è secondo noi la maggiore preminenza data alle categorie di risultati “verticali” come video, notizie, shopping, discussioni nei forum, ricette ecc. Nella precedente modalità di visualizzazione (quella che vediamo ancora su Google.it), la posizione era effettivamente poco visibile e probabilmente addirittura sconosciuta a molti utenti.
Con la nuova visualizzazione, abbiamo notato che ad esempio cercando su Google.com “pancakes” come nella prima immagine di questo post, la voce “recipes”, che raggruppa appunto le ricette per preparare i pancakes tratte da blog e forum di cucina, non si trova sotto la tendina “more” ma compare direttamente tra le voci in alto. Se invece si cerca un oggetto acquistabile online (provate con “touch screen gloves”) la voce in evidenza dopo le immagini e le mappe è, guarda caso, “shopping”, e “recipes” sparisce…
Altro esempio: se cerchiamo The big bang theory (serie tv molto popolare tra chi lavora nel nostro settore) compare la voce News. (NB: tra un test e l’altro siamo tornati alla categoria “web” cioè alla ricerca generica). Da un punto di vista di usabilità, questa organizzazione piacerà sicuramente agli utenti perché il tipo di informazione ricercata – che sia un video, una ricetta o una discussione in un forum - è immediatamente visibile; da un punto di vista SEO, per gli addetti ai lavori, diventerà sempre più importante posizionarsi anche in queste categorie, facendo ricorso al markup schema.org.

Voi cosa ne pensate?

Fonte: Blog ufficiale di Google Inside Search

Nessun commento:

Posta un commento