mercoledì 1 agosto 2012

La squadra americana di nuoto e il tormentone "Call me maybe"

Come può una squadra olimpica farsi conoscere grazie ai social media?
Lo strumento migliore è senza dubbio quello del video, come ha fatto la squadra americana di nuoto alle Olimpiadi di Londra 2012. Qualche giorno prima dell'apertura dei Giochi, sul canale YouTube ufficiale della squadra è stato pubblicato un divertente video in cui tutti gli atleti cantano e mimano a turno versi della canzone "Call me maybe", tormentone estivo di Carly Rae Jepsen.
Girato in aereo, sul bus, nelle camere d'albergo e naturalmente in piscina, con simpatiche inquadrature sott'acqua, il video ha riscosso un enorme successo su YouTube, arrivando ad oggi a più di 3.600.000 visualizzazioni.

Un modo spontaneo e amichevole di far vedere a tutti, senza mediazioni giornalistiche, il "dietro le quinte" di questi ragazzi che in gara dimostrano concentrazione, impegno e determinazione e forse anche grazie a questo video sono riusciti a stemperare l'inevitabile tensione da trampolino. A dimostrazione che i video divertenti e spontanei, che diventano virali, nascono spesso da qualcosa di molto semplice. Riusciranno però a raggiungere i 21 milioni di views totalizzati dal video in cui i discorsi di Obama sono stati montati abilmente in modo da riprodurre il testo della stessa canzone?

Nel frattempo, tra una gara e l'altra, gli atleti americani "ci mettono la faccia" anche su Twitter: ognuno di loro ha un account (trovate l'elenco nella descrizione del video su YouTube) in cui racconta l'esperienza olimpica. I nuotatori italiani invece non sembrano così attivi sui social network - al di là del divieto di utilizzarli durante la manifestazione, il cosiddetto "silenzio olimpico": c'è chi però, come Martin Castrogiovanni della squadra italiana di rugby (lo avrete sicuramente visto nell'esilarante serie di spot televisivi di cui è protagonista), proprio su Twitter difende la debacle della nostra nuotatrice di punta, Federica Pellegrini:
E se vi state chiedendo come abbiamo fatto a incorporare questo tweet nel nostro post, ve lo spiegheremo nei prossimi giorni!

Nessun commento:

Posta un commento