venerdì 21 ottobre 2011

Gheddafi e la debolezza di Google

L'evento più importante della settimana è stato certamente l'uccisione del dittatore libico Gheddafi.
Vi chiederete che legame può esserci tra questo evento e il mondo dei social network, dei motori di ricerca e delle innovazioni nel settore ICT a cui ci dedichiamo di solito; invece, un interessante legame c'è ed è quello della ricerca in tempo reale delle notizie sui motori di ricerca.
Ci è piaciuta molto l'analisi fatta da Chris Crum sul sito WebProNews.it (vi rimandiamo all'articolo completo, in inglese): l'autore fa infatti notare come in occasione di questo evento, le notizie fornite da Google non erano esattamente in tempo reale, ma risalivano al più a mezz'ora prima. Questo soprattutto da quando nel luglio scorso è cessato l'accordo tra Google e Twitter per la ricerca in tempo reale (real time search), in vista del lancio di Google+.
E proprio nei confronti di Twitter, Google e Facebook mostrano una grande debolezza: per motivi diversi nessuno dei due riesce a fornire informazioni in tempo reale, e le persone si affidano soprattutto a Twitter quando vogliono avere informazioni istantanee nel corso di un evento importante, una calamità ecc. Facebook ha tentato di "metterci una pezza" con la possibilità di ricevere aggiornamenti, mentre Google+ ha ancora un numero di utenti troppo basso per dimostrare di poter competere con Twitter sotto questo punto di vista.

Voi cosa ne pensate?

Nessun commento:

Posta un commento